La copertina   |  Le idee   |  Le opere

Max Fridman
Ha sicuramente un passato da cui dover fuggire. Ma di Max Fridman, almeno per ora, non conosciamo altro se non quello che ci raccontano le sue storie di spionaggio internazionale. Come Rapsodia ungherese e La Porta d'Oriente, pubblicate in questo volume ed ambientate nell'Europa che sta per affrontare la tragedia della seconda guerra mondiale. Apparso per la prima volta nel 1982, Max Fridman è un personaggio discreto, malinconico. Con la sola forza dell'intuizione e della prontezza di spirito Max cerca di districarsi tra le complesse vicende umane e politiche ideate dal suo autore: vere architetture narrative costruite meticolosamente su un disegno elegante e discreto, che hanno fatto di questo personaggio un successo mondiale..

L'autore  |  L'opera