Crea il tuo blog adesso!
 
Leggi gli altri blog...
chi sono

Ama, eccedi, solidarizza: il mio senso della vita.
contattami






commenti recenti
archivio
categorie
blog
riferimenti
foto recenti
bottoni
counter
visitato 3222 volte
sabato, 29 aprile 2006
Gasparri sta con Scalfaro
No, niente cambi di rotta: l'onorevole di AN Maurizio Gasparri è critico verso il senatore Oscar Luigi Scalfaro, che presiede temporaneamente le operazioni, esattamente come i suoi compagni di coalizione, ma... si rivela altrettanto bacchettone del nasuto ex Presidente della Repubblica italiana.

Evidentemente turbato dalla scollatura della collega di partito Daniela Santanchè, l'ex ministro Gasparri l'ha scherzosamente coperta con un fazzoletto.

Brivido di raccapriccio se penso alla bigotta Italia democristiana, quella del mitico schiaffo di Oscar Scalfaro a una signora scollata al ristorante.
postato da: Janeway alle ore 12:17 | Link | commenti (1)
categoria:politica
giovedì, 27 aprile 2006
Ho sete... o sonno?
No, non chiedete! ;-)

Oh, vedo tutto attraverso conti in rosso e uffici
Ho sonno, ho sonno com'è che son qui
Nebbia caduta sugli occhi,
Che voli nel mio cervello
Ho sonno, le pecore mi scorrono dentro,
Gregge che ha perso il giaciglio,
Perchè ha smarrito ogni senso
Oh, conti in rosso e registri
Lunga scala grigia che sale da Donzelli
Non c'è confine tra l'occhio stracco e l'occhio chiuso
Elena
Lenta processione all'alba nella strada
Fata Elena ha già svoltato nel parcheggio
Aspetto a parlare prima dell'illusione che sian già le 18
Poi scopro... le 8, e il mattino comincia solo ora per me
Elena
Ho sonno significa che sono viva
Che importa se ultima o prima
Il capo mi chiama ancora, ancora
Oh, conti in rosso e contributi
La sento negli occhi, in fondo ai miei occhi,
Stanchezza mentale che passa dal cuore
postato da: Janeway alle ore 10:59 | Link | commenti (2)
categoria:amore, lavoro
giovedì, 20 aprile 2006
Lettera aperta a Ciampi: incarico a Prodi subito!
repubblicaFirma anche tu la petizione se il pensiero che si stia perdendo tempo in ripicche e pastoie burocratiche ti irrita.

http://www.thepetitionsite.com/takeaction/332078881?ltl=1145527720

Ci rivolgiamo a Lei nella Sua veste di Presidente della Repubblica, dunque super partes, auspicando che questa carica sia caratterizzata da questa
conditio sine qua non anche nel futuro prossimo.
Siamo perfettamente consci dei tempi tecnici di insediamento del Parlamento, di elezione dei Presidenti delle Camere, di elezione del Presidente della Repubblica, di affidamento dell'incarico di formare il Governo ed infine di elezione dello stesso. Consci, ma dissenzienti.
Fuor di retorica, l'Italia vive un momento molto allarmante, in cui è importante che il Presidente della Repubblica, ed in particolare un Presidente come Lei, si pronunci sulla regolarità delle elezioni del 9 aprile 2006, legittimandole, e confermi che queste ultime siano state vinte dal centro-sinistra.
Quel che Le chiediamo, in virtù delle considerazioni succitate, è di affidare l'incarico di formare il Governo subito, senza attendere l'elezione del Capo dello Stato, poiché registriamo con preoccupazione una crescita esponenziale delle tentazioni antidemocratiche ed anticostituzionali nella coalizione di centro-destra, appena sconfitta nella consultazione elettorale. Va da se che tale incarico debba essere affidato a Romano Prodi, capo della coalizione vincente. Legalmente, Lei ne ha facoltà, poiché, a differenza del governo Berlusconi, al momento attuale la Sua attività non è limitata all'espletamento delle pratiche correnti, ed è ancora un Presidente pienamente investito delle sue funzioni, oltretutto stimato "trasversalmente" e perciò rappresentativo.
In caso contrario, di qui a poco potrebbe essere tardi per ricucire lacerazioni nel Paese che il governo dimissionario irresponsabilmente sembra voler alimentare.
postato da: Janeway alle ore 12:23 | Link | commenti (2)
categoria:politica
martedì, 11 aprile 2006
Noi sollievo; lui...
cribbio
postato da: Janeway alle ore 12:28 | Link | commenti (2)
categoria:politica
domenica, 09 aprile 2006
Tutti
postato da: Janeway alle ore 00:03 | Link | commenti
categoria:politica
giovedì, 06 aprile 2006
Certe notti, ritorni
Certe notti sei solo più allegro, più ingordo, più ingenuo e coglione che puoi. (Certe notti - Ligabue)
Sono tornato. Più o meno. Ma non potevo stare lontano dal mondo, ora che il mondo intorno a me è in procinto di cambiare, in meglio o in peggio. Stamattina, davanti all'edicola, ho sentito due vecchietti chiacchierare:
- Sei un coglione.
- Grazie!
Ed ho sentito la mancanza di questo buco del mio mondo di plastica da cui far uscire certi miei pensieri. Stanotte sono tornato fra voi, coglioni, e cercherò di restare.
Certe Notti la macchina è calda e dove ti porta lo decide lei.
Certe notti la strada non conta e quello che conta è sentire che vai.
Certe notti la radio che passa Neil Young sembra avere capito chi sei.
Certe notti somigliano a un vizio che non voglio smettere, smettere mai.
Certe notti fai un po' di cagnara che sentano che non cambierai più.
Quelle notti fra cosce e zanzare e nebbia e locali a cui dai del tu.
Certe notti c'hai qualche ferita che qualche tua amica disinfetterà.
Certe notti coi bar che son chiusi al primo autogrill c'è chi festeggerà.
E si può restare soli, certe notti qui, che chi s'accontenta gode, così così.
Certe notti o sei sveglio, o non sarai sveglio mai, ci vediamo da Mario prima o poi.
Certe notti ti senti padrone di un posto che tanto di giorno non c'è.
Certe notti se sei fortunato bussi alla porta di chi è come te.
C'è la notte che ti tiene tra le sue tette un po' mamma un po' porca com'è.
Quelle notti da farci l'amore fin quando fa male fin quando ce n'è.
Non si può restare soli, certe notti qui, che se ti accontenti godi, così così.
Certe notti son notti o le regaliamo a voi, tanto Mario riapre, prima o poi.
Certe notti qui, certe notti qui, certe notti qui, certe notti....
Certe notti sei solo più allegro, più ingordo, più ingenuo e coglione che puoi
quelle notti son proprio quel vizio che non voglio smettere, smettere, mai.
Non si può restare soli, certe notti qui, che chi s'accontenta gode, così, così.
Certe notti sei sveglio o non sarai sveglio mai, ci vediamo da Mario prima o poi.
Certe notti qui, certe notti qui, certe notti qui.
postato da: Janeway alle ore 21:50 | Link | commenti (2)
categoria:berlusconi, musica, politica