La Casa degli Elfi


Alice
1975 - La mia poca grande età
1978 - Cosa resta... un fiore
1980 - Capo nord
1981 - Alice
1981 - Per Elisa
1982 - Azimut
1983 - Falsi allarmi
1985 - Gioielli rubati
1986 - Park hotel
1987 - Elisir
1988 - Mélodie passagère
1989 - Il sole nella pioggia
1992 - Mezzogiorno sulle Alpi
1995/96 - Charade
1998 - Exit
1999 - God is my DJ
2000 - Personal juke-box
2003 - Viaggio in Italia

Cosa resta... un fiore

Prodotto da Giancarlo Lucariello per la CGD
Arrangiamenti, direzione d'Orchestra: Danilo Vaona
Alice: Pianoforte
Danilo Vaona: Piano, Polymoog, Minimoog, Organo Hammond, Eminent, Mellotron, Campane, Hohner, Celeste, Sistro, Clavicembalo, Piano Fender
Mino Fabiano: Basso
Gianni D'Aquila: Batteria, Timpani, Percussioni
Massimo Luca, Luigi Lopez, Enzo Giuffrè: Chitarre acustiche ed elettriche
F. Mancini: Armonica
Marlaena Kessick: Flauto, Ottavino
Tecnici di registrazione: Enzo Maffione
Studio di registrazione: Milano; Studio Double
Realizzazione grafica: Luciano Tallarini
Foto: Mauro Balletti

01. Un fiore
02. Un'isola
03. Una mia semplice storia
04. Chi mi apprezza e chi disprezza
05. Io voglio vivere
06. Senza l'amore
07. Alberi
08. Cose
09. ...E respiro
10. Mondo a matita

Un fiore [Luigi Lopez, Carla Vistarini]

Sotto la luna canto fatemi cantare si deve addormentare l'amor mio nel buio della notte io me lo tengo stretto che forse non c'è un letto per noi due. Suonano le cicale ma poi verrà Natale e resta una carezza di tanta tenerezza. Ed io che so la storia perché so amare ancora do amore con coraggio anche se non è saggio anche se mi fa male me lo terrò sul cuore come si tiene... un fiore il fiore dell'amore Stelle del paradiso non fatte troppa luce deve sognare in pace l'amor mio dorme sulla mia spalla sta come in una culla così la notte è bella per noi due. Azzurra l'aria lieve presto cadrà la neve e resta una parola di questa lunga sera. Ed io che so la storia perché so amare ancora do amore con coraggio anche se non è saggio anche se mi fa male me lo terrò sul cuore come si tiene... un fiore il fiore dell'amore. Dorme sulla mia spalla sta come in una culla così la notte è bella per noi due stelle del paradiso non fatte troppa luce deve sognare in pace l'amor mio. Dorme sulla mia spalla sta come in una culla così la notte è bella per noi due stelle del paradiso non fatte troppa luce deve sognare in pace l'amor mio.


Un'isola [Luigi Lopez, Carla Vistarini]

Na, na, na, na, na, na. La notte s'è fatta limpida il mare è un velluto nero s'accendono come lampade milioni di stelle in cielo profumano l'aria tiepida i fiori di mandarino il vento è una strana musica che mi fa sognare di averti vicino. Il mondo è soltanto un'isola che tu devi ritrovare dov'era la casa candida profumo di pane e mare nell'uva che rubavamo noi correndo per quelle strade e il sole che brucia dentro gli occhi sei tu che da sempre dividi nel cuore. Na, na, na è la canzone che cantavi sempre tu, na, na, na ma le parole non me le ricordo più. Na, na, na è la canzone che cantavi sempre tu na, na, na ma le parole non me le ricordo più. E navi che adesso partono così sono i miei pensieri che cercano fino all'ultimo di te come eri ieri di te che mi vivevi accanto guardandomi di nascosto di te che mi svegliavi accanto toccandomi il viso dicendomi "resta". Na, na, na è la canzone che cantavi sempre tu na, na, na ma le parole non me le ricordo più. Na, na, na è la canzone che cantavi sempre tu, na, na, na ma le parole non me le ricordo più. Na, na, na, na, na, na.


Una mia semplice storia [Stefano D'Orazio, Renato Brioschi]

Ricordo quando da bambina ti raccontavo i miei perché e ti sentivo amico sopra me. Il mondo è poco e tutto intorno ti viene incontro la città ancora qualche bianco inverno e ti raggiungerà. Mille milioni di ali hanno diviso con te paure, temporali e libertà. Hanno dormito ai tuoi piedi ladri, cavalli ed eroi ma l'ombra contro il sole è sempre lei. Conosci il tempo e le mie storie sognate addosso alla tua età anche le mie canzoni le sai già. E sotto le tue foglie verdi amori, incontri, qualche addio tra i nomi che ti porti addosso si legge bene il mio. Mille milioni di nubi t'hanno sfiorato però l'azzurro è ritornato dopo un po'. Piangi ogni estate che muore non ti rassegnerai mai ti spogli, t'addormenti e la sognerai.


Una notte speciale [Alice]

Strane donne col ventre offeso danzano sui tacchi a spillo danzano questa notte intorno a un fuoco immaginario zingari coperti d'oro zingari che sono senza tempo. Noi senza dignità oltre la montagna scopriamo l'amore qui, qui senza falsità noi ci amiamo come la mente non sa. Mantelli avvolti in corpi antichi coprono le biciclette corrono lentamente su strade buie lastricate corrono incontro al niente corrono incontro all'infinito. Noi senza dignità oltre la montagna scopriamo l'amore qui, qui senza falsità noi ci amiamo come la mente non sa. Noi senza dignità oltre la montagna scopriamo l'amore qui, qui senza falsità noi ci amiamo come la mente non sa...


Chi mi apprezza e chi disprezza [Stefano D'Orazio, Marcello Aitiani, Mercurio]

Io qui la gente là la musica la luce. C'è chi mi guarda c'è chi mi ascolta c'è chi mi apprezza e chi disprezza. Tanti colori davanti a me ed ogni notte mi sembra di volare io cantare ma quando poi si spegne il sole mi domando che cosa resta di me nei vostri sentimenti. Io qui voi sempre là la musica la voce. Dico cose e il tempo passa e quel che resta non mi basta. Troppi colori davanti a me come ogni notte ritornerò a volare qui a cantare ma come sono vorrei dire sottovoce per capire se qualcuno vuol sentire le mie storie la mia gente o invece vuole solamente luci e colori addosso a me storie di amori e cose da sognare e non pensare e rimanere lì a guardare. C'è chi guarda c'è chi ascolta c'è chi mi apprezza e chi disprezza mentre canto inutilmente poi di me non resta niente.


Io voglio vivere [Stefano D'Orazio, Renato Brioschi, Cristiano Minellono]

Oggi noi qui come ieri semplici ad inventare la felicità fatta di noi di momenti magici che senza te certo non vivrei. Non c'è per noi niente d'impossibile niente che non si possa conquistare la ricchezza quella intima è l'amore che la da. Io voglio vincere quando ti arrenderai per te combattere se tu ti fermerai. Io voglio vivere della mia libertà a te finché vorrai, non rinunciare mai. Forse non mai come adesso liberi vorrei che il tempo si fermasse qui per rivivere in un attimo la mia poca grande età. Io voglio vincere quando ti arrenderai e voglio cedere se me lo chiederai. Io voglio vivere di ciò che tu mi dai voglio seguire te senza voltarmi mai. Io voglio vincere quando ti arrenderai per te combattere se tu ti fermerai. Io voglio vivere della mia libertà...


Senza l'amore [Luigi Lopez, Carla Vistarini]

Senza l'amore dove vai passano gli anni e cosa fai guardi le stelle e ascolti il mare qualche volta vuoi partire ma il coraggio non ce l'hai. Senza l'amore dove vai così ti siedi e aspetterai vicino a un albero caduto disegni foglie, il tuo futuro azzurro come lo vuoi tu. Se cantare e andare via la sera chi ti aspetterà apri le braccia camminando se le strade sono il mondo il mio cuore è una città. Seduta accanto a te questa sera sento che oggi ti avrò, domani non lo so. Senza l'amore dove vai se solitario il cuore hai l'uomo più ricco non ha niente se non l'incontra tra la gente un giorno gli sorriderà. Senza l'amore una canzone è solo un gioco di parole e può finire anche così.


Alberi [Luigi Lopez]

Ricordo la tua casa un anno fa le sue finestre grandi e gli alberi intorno che la guardavano ed io guardavo te e i giorni scorrere e nuvole in cielo non si fermarono. In quella casa sotto la luna ti respiravo accanto e sulla porta il nome tuo e il mio come una favola ti raccontavo l'amore che non sapevi dare l'amore che non sapevi dare... E sognavo e ti regalavo giorni giorni regalavo a te... e ti amavo e la notte ci scopriva e il buio ci vestiva un po' e dolce grano al vento cresceva in me ho visto cento fiori rinascere. E alberi intorno, alberi intorno all'ombra nel mio cuore soltanto tu ancora canti in me e ancora onde qui nel vecchio mare e ancora il vento che conosce già e tutto questo mi addormenterà e tutto questo mi addormenterà.


Cose [Luigi Lopez, Carla Vistarini]

Tante cose da dire tante cose da fare tante cose da dare tante cose da avere. Tante cose da amare tante cose da odiare cose da costruire cose da rinnovare. Cose chiuse dentro di me cose che non posso dire cose da pretendere cose da rubare e via. Cose da consumare cose da rinnovare cose da non gettare via cose da conservare. E non mi fanno parlare ci sono cose che non si possono dire perché c'è gente che non ha capito ancora niente del mondo com'è E io che lo so un giorno o l'altro e io che lo so un giorno o l'altro e io che lo so... parlerò... parlerò... parlerò. E ho tante cose da dire e parlerò e ho tante cose da fare e le farò e ho tante cose da dare e le darò e ho tante cose da avere. E tante cose da amare e le terrò e tante cose da odiare, le brucerò cose da costruire e suderò cose da rinnovare.


...E respiro [Riccardo Fogli, Danilo Vaona]

Sempre tu, solo tu strano Dio il tuo poche cose, per sentirmi una donna. Zitto amore non parlare non ha senso più troppo stretta questa stanza voglio urlare io apri pure quella porta io mi fermo qui. Mi fa male, tanto male nasce dentro me mi fa male, tanto male sento dentro... Ma respiro, sola vivo, sola il mondo mio. Cosa resta resta poco resta niente. Nuovi giorni nuovo sole nuova gente nuovi amici nuove storie nuova l'allegria è stupendo la mia casa è aperta al vento. Sola è amore, sola è amare sola è vivere e col vento sola è andare camminare... E respiro, sola vivo, canta ogni mia idea.


Mondo a matita [Luigi Lopez, Carla Vistarini]

Na, na, na, fatti un mondo con le dita a matita se ti va facci entrare la tua vita e colora la tua età falla bella la tua età è l'amore la tua età. E cerca l'universo come puoi le ali dei tuoi sogni vanno là e prenditi una nuvola e con lei su continenti nuovi vola e lasciami da sola se ti va se liberi è più bella la realtà e vivi, vivi, vivi quanto vuoi fa quello che ti pare finché puoi, na, na, na, e vivi, vivi, vivi quanto vuoi fa quello che ti pare finché puoi. E credi azzurro l'orizzonte dietro quel monte e mari calmi come l'amore, tiepide sponde. Na, na, na fatti un mondo per amare per sognare con chi vuoi prendi pure la tua musica le canzoni che tu sai fatti un mondo con le cose che non ci saranno più fatti un piccolo mondo inutile per giocarci solo tu metti verde sopra i prati per dormirci se vorrai fatti un angolo di mare dove al sole canterai na, na, na.